Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 aprile 2011 2 05 /04 /aprile /2011 09:56

Siringa_droga.jpg

Droga: la situazione di Palo

di Leo Maggio, corrispondente della Gazzetta del Mezzogiorno

 

Ad entrare nei racconti delle vittime, sorprende come la droga non sia solo un fatto di cronaca. Smontata la scaletta dei notiziari  prende corpo il dramma che sconvolge le storie di chi ne fa uso, dei “drogati” come indicati da un gergo rozzo e consueto, una categoria che, ai nostri giorni, comprende insospettabili di ogni età, genere e classe sociale.

Un giovanissimo assicura che il fenomeno è molto diffuso in paese e che, i cosiddetti “drogati”, sono veramente tanti. Ad approfondire la questione si può scoprire che nelle campagne della zona si organizzano rave-party e che, oltre al “fumo” non è molto difficile procurarsi extasy, lsd, funghi ed anfetamina. Un giovane lo ammette senza troppi scrupoli: “Qui in paese la canna è fumata da più della metà dei ragazzi.”

Per lo spaccio la manovalanza più accreditata è quella dei giovanissimi perché, logicamente, più adatta a frequentare ambienti e luoghi di ritrovo tipici degli adolescenti. Più si sale con l’età, più l’identikit dello spacciatore si trasforma e non assume sempre gli stessi contorni. Complice la disoccupazione e un disgregato tessuto sociale ed umano. Cambia anche il commercio delle sostanze stupefacenti, sempre più organizzato da logiche da grande distribuzione, con offerte del tipo: “più compri e meno paghi.”

Di fronte a questo scenario si pone il lavoro delle forze dell’ordine. Un impegno innegabile ma silenzioso e discreto perché finalizzato, giorno dopo giorno, a ricostruire e svelare la trama occulta che lega i diversi attori del mercato della droga. Negli ultimi tempi, non sono mancati arresti e retate, l’attività degli inquirenti si è anche materializzata in azioni di forza mirate a debellare il traffico e l’uso di sostanze stupefacenti sul territorio.

Nell’ hinterland barese, paesi come Palo, Grumo, Binetto e Toritto sono ormai realtà emergenti nel panorama della droga con mercati autonomi inseriti lungo l’asse appulo-lucano. Anche le cronache ne hanno parlato, spesso da cittadini ci siamo trovati di fronte ad azioni di presidio e di controllo del territorio. Ma il lavoro più grosso ed impegnativo è quello che non si vede, fatto di lunghe indagini ed appostamenti, spesso ostacolato dall’omertà e dalla paura delle persone di mettersi in gioco e collaborare con la giustizia.

“L’erba non fa male, mi aiuta a sentirmi bene, mi dà forza.” Sono ancora le parole di un giovanissimo consumatore, a pochi passi da Piazza Santacroce. E’ il racconto di una vittima, solo con la consapevolezza e il dramma di esserci cascato, a pochi passi da casa sua.

 

L’esperienza di Mario*

 

Mi chiamo Mario, ho 46 anni e la mia storia risale a molti anni fa. Quantificare il tempo non è possibile perchè, secondo me, è più opportuno, a questa età, tirare le somme del tempo perso con tutti i rischi e le conseguenze che oggi mi ritrovo ad affrontare.

Molto della mia vita non posso più riprendermela e mi è rimasta la continua lotta con la sostanza.

La lotta è contro le mie debolezze, la mia superficialità, i condizionamenti esterni ed interni, ma la cosa più pesante è la traccia che la sostanza ha lasciato dentro di me, come una ferita sempre aperta che è da curare giorno per giorno.

 

L’esperienza di Giovanni*

 

Sono Giovanni, ho 34 anni e nella mia vita ho fatto molti errori.

Il più grosso è stato a 17 anni, quando, per combattere la noia e la solitudine, ho accettato di fare una sniffata di eroina.

Da quel giorno è iniziata la discesa nel buio più profondo, sfuggendo dalla realtà sociale e dalle difficoltà della vita.

Per 13 anni anni è stata una continua lotta e l'unico senso delle mie giornate si riduceva ad una bustina di merda.

A 30 anni una mattina ho fatto, forse, per la prima volta nella mia vita l'uomo, dicendo a mio padre: "Vai al Sert e fammi trovare una comunità".

Per quanto triste fosse quella mattina, io me ne andavo in comunità e mio padre era contento.
Mi sono ritrovato a 33 anni recuperato dalla sostanza, ma con il carico di tutto quello che non ho fatto e il tempo che ho sprecato e un dover ricominciare tutto da capo.
Per quanto si possa ricostruire in maniera positiva, le ferite restano e ogni giorno è una scelta per non tornare indietro.

*NDR: benché le esperienze raccontate siano di vissuto reale, per opportunità di privacy sono stati usati nomi di fantasia

 

 

Amicizia + Amore = medicina antidroga

di Letizia Silvana Persano, psicologa SERT Grumo Appula

 

Prima di tutto ringrazio per la fiducia e la stima accordatami da quelli che mi hanno chiesto di scrivere un articolo sulla droga, e, poiché non mi va di affrontare l’argomento come operatore sanitario, mi cimenterò a raccontare alcune emozioni ed impressioni che mi hanno accompagnata negli ultimi due decenni, nel dovermi confrontare quotidianamente con i problemi legati alle dipendenze patologiche. Per iniziare, mi farò aiutare dalla matematica o meglio userò un’eguaglianza: (Amicizia + Amore) = medicina antidroga.

Questa frase l’ho trovata su un poster affisso sulla parete di in una comunità terapeutica a Loseto, nel 1993. Era un manifesto composto da tanti riquadri e in ognuno di essi c’era un  componimento, uno slogan, un disegno: tutti temi  premiati nell’ambito di un concorso sulla lotta alla droga, a cui avevano partecipato gli alunni di una scuola elementare, in uno c’era scritto “Se ti droghi sei fritto” con il disegno di  un pollo impanato e fritto, adagiato in una pirofila, in un   altro “anche i polli non ci cascano più” con  l’immagine di un galletto pimpante, vivace e dall’aria furba, un altro diceva, “la droga ti uccide, io invece voglio diventare nonno”…. E poi c’era questo fantastico, intuitivo, intelligente raffronto fra la sommatoria di due meravigliosi sentimenti che possono rivelarsi sia una cura che un  antidoto, efficaci per prevenire e combattere solitudine, aridità di cuore e indifferenza, anticamera al mondo della droga. Questo raffronto ci dà indicazioni per  non dover aver bisogno di alcuna “sostanza”  che possa dare l’illusione  di risolvere i problemi,  cancellarli e vederli sparire quasi per magia. La droga non toglie i problemi, anzi, dà un sacco di problemi in più.  La droga fa gettare via ciò che si ha di più prezioso: la propria identità e il piacere dell’identità!!!! Non c’è gioia con la droga…”E la Vita rimane la cosa più bella che c’è” canta Nek nello spot televisivo  contro la droga! L’amicizia e l’Amore sono le ragioni per cui tante persone oggi non sono sole, l’Amico vero è quella persona che ti capisce e sa sempre come aiutarti. L’Amicizia è un faro che, quando sei in difficoltà ti è di  guida, non lasciandoti mai solo. L’Amore  ti cambia la vita, la consapevolezza di essere amato rende decisi e forti, amare qualcuno rende coraggiosi. Se dovessimo scomporre ai minimi termini l’Amicizia e l’Amore cosa troveremmo? Lealtà, sincerità, comprensione, accettazione, gioia di stare insieme,  interessi in comune, essere felici quando le cose vanno bene all’altro e sentirsi giù e addolorato quando le cose gli vanno male, aiuto reciproco nel momento del bisogno, consigliarsi, sostenersi, e soprattutto  capacità di ascolto, tanto che chi sa ascoltare ti sente anche quando non dici nulla. Se i nostri ragazzi venissero educati e amati, se l’educazione in famiglia, nella scuola, nella società insegnasse anche a vivere  perché accompagnata dall’affetto, incoraggiamento e sostegno, non resterebbe nessuno  spazio  per far attecchire alcuna “sostanza”. Se tutti, bambini,  ragazzi,  adolescenti,  giovani,  meno  giovani, avessero ogni giorno la “dose minima giornaliera”  di affetto, coccole, compagnia, considerazione, incoraggiamento, sostegno, aiuto, solidarietà e rispetto…. sarebbe assicurata e  superata la soglia minima  di benessere e non ci sarebbe bisogno di niente di illusorio, trasgressivo, pericoloso che prometta una pseudo felicità da pagare a carissimo prezzo. Termino con un consiglio dato con tutto il cuore: chi si vuole bene si sballa di musica, si fa di sport, si sbronza di baci!

Condividi post

Repost 0
Published by Associazione Liberaggiunta
scrivi un commento

commenti

Presentazione

L’Associazione LIBERAGGIUNTA è un'associazione di volontari, apartitica, che opera esclusivamente per fini di solidarietà. LIBERAGGIUNTA è la naturale conseguenza dell’esperienza nata con la Consulta Interparrochiale per le Attività Socio-Politiche di Palo del Colle e con la stessa interagisce nell’organizzare attività formative, come la Scuola di Formazione all’impegno politico.

L'associazione pone al centro della propria vita associativa la formazione e l’animazione allo spirito cristiano delle realtà familiari, ecclesiali e sociali in cui si è inseriti e lo scopo per cui si costituisce è l'evangelizzazione, attraverso la testimonianza di ciascuno negli ambiti dell'impegno sociale, in particolare si propone di dar vita a momenti di formazione e di osservazione dei fenomeni, sia con l’organizzazione di incontri, l’istituzione di un osservatorio della legalità, la redazione di notiziari utili a promuovere le attività della comunità, sia la  realizzazione di un luogo di scambio per le opinioni sulle problematiche sociali, maggiormente avvertite dalla collettività cittadina. Il nostro luogo di osservazione è il territorio in cui prevalentemente operiamo, teniamo a cuore la nostra cittadina ed è per la nostra Palo che intendiamo spendere le nostre energie, utilizzando la significativa voce del notiziario per  analizzare e proporre alternative  alle problematiche che lo affliggono attraverso quella visione di carità cristiana che è fondamento  del nostro operare.

Con LIBERAGGIUNTA NEWS  non intendiamo realizzare un mezzo contro qualcosa o qualcuno, uno strumento di mera denuncia,  ma desideriamo fornire a tutta la comunità uno luogo espressivo, dove ognuno è libero di metter a disposizione di tutti le proprie esperienze, le proprie opinioni, senza steccati o barriere, sostenendo suggerimenti per il bene comune.

Link

Cercasi un Fine: www.cercasiunfine.it
CSV San Nicola: www.csvbari.com
Palesi.it: www.palesi.it

Archivio Liberaggiunta News

Editore

Associazione Liberaggiunta

Via XX Settembre, 2

70027 Palo del Colle (BA)

e-mail: liberaggiunta@libero.it
Registrato presso il Tribunale di Bari, n. 4320/2009